La Collegiata

 

La Propositura di San Casciano è una chiesa di grandi dimensioni che si erge sull’ampia Piazza Cavour.  In realtà le sue origini risalgono al XII secolo quando fu costruita una chiesa, molto più piccola dell’attuale, in onore di San Cassiano martire. Alla fine del XVIII sec. la chiesa è stata ampliata grazie al progetto  dell’architetto Lorenzo Pozzolini, poiché si sentiva la necessità di un maggiore spazio al fine di ospitare un importante numero di ecclesiastici e un popolo numeroso. I lavori iniziati nel 1793 furono portati a termine nel 1797.

La chiesa è stata realizzata secondo la corrente artistica del tempo, il neoclassicismo,  con una facciata che presenta tre portali i quali immettono nelle tre navate. La parte superiore della facciata è definita da una finestra centrale sovrastata da  un timpano che richiama il gusto classico. Sopra il portale centrale domina lo stemma dei Lucardesi, nobile famiglia che disponeva di ricchi possedimenti nella zona di San Casciano.

All’interno della chiesa le navate sono separate da archi a tutto sesto i cui pilastri sono decorati con lesene a finto marmo. Con il restauro del 1966 la chiesa mutò considerevolmente aspetto: dalle cappelle laterali furono tolte le mense allargando lo spazio per i fedeli, inoltre venne ridipinta attraverso l’utilizzo di colori più vivaci. Un ulteriore ed ultimo restauro fu realizzato nel 1997 grazie al quale il campanile fu rinforzato e innalzato di circa 7 metri adattandolo allo stile neoclassico dell’intera chiesa.